Emily St. John Mandel, l’Hotel di Cristallo

Il bello di stare al passo con le ultime novità e di mettere da parte i grandi classici è che, di tanto in tanto, ci si imbatte in opere come “L’hotel di cristallo” , di Emily St. John Mandel (Canada, 1979). Lo scrittore che ha vinto l’Arthur C. Clarke Award per
“Stazione  undici” ha creato una storia che mescola generi e voci, che poggia su una struttura in ferro e riesce a catturare l’attenzione di tutti i lettori, qualunque sia lo stile che preferiscono.
“L’hotel di cristallo” è uno dei romanzi più attesi del 2020; un affascinante ritratto di avidità e senso di colpa, con echi di J.G. Ballard e Raymond Chandler.
Il 2008 è stato un anno memorabile. La crisi economica, il cui verificarsi nessuno aveva previsto (e anche se lo aveva previsto, non ne ha parlato a voce alta) ha portato al fallimento di molte aziende e ha privato masse di persone dei risparmi di una vita. Le banche internazionali sono cadute, come la banca d’investimento americana Lehman Brothers, così come le società finanziarie e assicurative più piccole. 
Migliaia di persone sono rimaste senza lavoro, con prestiti in essere e denaro investito in azioni e obbligazioni ormai prive di valore. Ha visto la luce anche una delle più grandi truffe finanziarie del nostro tempo: la piramide finanziaria gestita per anni da Bernard Madoff, dove le perdite totali dei truffati sono di decine di miliardi di dollari. La persona di questo finanziere (rispettato e ammirato da molti per anni) e la storia della sua caduta sono diventate per Emily St. John Mandel è stato l’ispirazione per scrivere il libro “L’hotel di cristallo”, che ho avuto l’opportunità di leggere in questi giorni. È una storia di grandi fortune costruite su una bugia. È anche una storia sull’avidità e l’avidità, che colpisce sia i multimilionari che le persone comuni che sognano una vita migliore. Ci sono molti understatement, eroi ambigui ed emozioni nascoste. I frequenti salti temporali introducono inoltre un senso di caos, che in questo caso particolare accresce l’ansia crescente del lettore. L’autrice, pagina dopo pagina, conduce i suoi eroi sull’orlo del collasso. I grandi cadono, trascinando con sé i piccoli. Le lussuose ville sostituiscono le celle delle prigioni e il mondo, che finora è stato un luogo di possibilità illimitate, si restringe inimmaginabilmente e dimostra che molti combattono per la sopravvivenza dall’oggi al domani.

Nessuna descrizione disponibile.

Approfondisco.

Il Caiette Hotel è una lussuosa proprietà della British Columbia accessibile solo in barca. Un palazzo di cristallo illuminato nel mezzo dell’oscurità, il luogo perfetto per fuggire dal mondo. Due fratelli ossessionati dal passato lavorano lì: Paul, un tossicodipendente in via di guarigione e aspirante cantautore, si occupa della manutenzione, e Vincent, che ha avuto una vita difficile dopo la morte di sua madre, lavora come cameriera in un bar dell’albergo.
Una notte, su una delle pareti di vetro appare un messaggio inquietante (“Perché non ingoi una scheggia di vetro rotto”) e tutti gli indizi puntano direttamente a Paul, che deve lasciare l’hotel. 
Quella stessa notte Vincent incontra al bar Jonathan Alkaitis, investitore e proprietario dell’hotel, con il quale inizia una nuova vita all’insegna del lusso a New York. In pubblico, fingono di essere sposati, dal momento che Jonathan non è pronto a risposarsi, e vivono una vita che inizia con una bugia.
Da allora, abbiamo seguito la vita di Vincent con Alkaitis nel mondo del denaro, ma non è stato un lieto fine, poiché Alkaitis ha accumulato la sua fortuna attraverso una truffa piramidale che sta per crollare. Quando la polizia scoprirà il complotto, Jonathan e i suoi dipendenti verranno mandati in prigione, Vincent sarà di nuovo sola al mondo e centinaia di persone che avevano investito nei fondi di Alkaitis avranno la vita rovinata dopo aver perso i loro soldi.
Perseguitati dalle loro decisioni sbagliate, i personaggi di “L’hotel di cristallo”  saranno gettati in un destino fatale e assisteremo a quali circostanze passate li hanno portati a quella situazione. 
Alkaitis, rinchiuso in prigione, viene abbandonato a una realtà alternativa che lo porterà alla follia e alla morte, perseguitato dai fantasmi di chi ha truffato. 
Paul diventa un famoso compositore combinando la sua musica con le videocassette che Vincent ha realizzato quando era piccolo, ma ricadde nella droga e il senso di colpa per aver usato i nastri senza accreditare Vincent non lo lascerà mai. Vincent, da parte sua, decide di fuggire e si unisce all’equipaggio di una nave mercantile della flotta Neptune-Cumberland come cuoco, dove trova finalmente la felicità.
Tuttavia, anni dopo, Vincent scompare misteriosamente dal ponte della nave durante una tempesta. La compagnia di trasporti marittimi decide di svolgere un’indagine per chiarire l’accaduto, che è a capo di Leon Prevant, uno degli investitori di Alkaitis che ha perso tutti i suoi soldi e che soggiornava in albergo anche lui il giorno in cui Vincent e Jonathan si sono conosciuti. In una abbagliante piroetta narrativa, assisteremo agli eventi della notte della scomparsa di Vincent, che stava filmando il mare nel bel mezzo di una tempesta quando un barcollamento della nave la fece precipitare in mare. Dopo la sua tragica fine, lo spirito di Vincent visita tutti coloro che hanno avuto rilevanza nella sua vita e, infine, si riunisce con sua madre sull’isola di Vancouver.

Ciò che colpisce di questo libro è che ci sono diversi personaggi principali. Uno sembra più pertinente alla storia rispetto all’altro, ma tutti aggiungono qualcosa. 
Le trame dei diversi personaggi principali sono molto diverse, così diverse che all’inizio ti chiedi cosa potrebbero mai avere in comune. C’è anche un personaggio che viene interpretato solo come narratore. Tuttavia, le storie sembrano essere collegate, ma in modo molto sottile. Le trame non si incastrano come i pezzi di un puzzle in un colpo solo. Ma certe azioni o affermazioni in una storia influenzano una o più altre storie. Quindi devi anche stare molto attento quando leggi la storia, perché ogni parola e ogni azione può essere importante in seguito. Anche la storia non è scritta in ordine cronologico. Inizia alla fine ancora incompleta e poi salta avanti e indietro nel tempo ancora un paio di volte. Lo scrittore può iniziare una nuova trama e poi mostrare improvvisamente una parte precedente della storia da un lato diverso. Può farti chiedere cose e poi improvvisamente trovare risposte più tardi, oppure no.
È chiaro che l’autore ha pensato molto alla storia. Il suo stile di scrittura invita anche il lettore a pensare con la propria testa. Il corso della vicenda e le varie connessioni non sono certo preconcette. In retrospettiva, quindi, la storia probabilmente perseguiterà molti lettori per qualche tempo. Potrebbe anche avere un valore aggiunto leggere la storia due volte, perché ti perdi rapidamente qualcosa o non crei immediatamente i collegamenti. Questa non è la storia più facile da leggere, ma i temi sono interessanti e lo sono anche la maggior parte dei personaggi principali con le loro storie.
Mi piaceva essere sfidato e mi era permesso pensare con la mia testa. Non sono sicuro di aver fatto tutti i collegamenti possibili. I pensieri sulla storia continuano a venirmi in mente il giorno dopo aver letto il libro. Mi sono davvero imbattuto nei temi menzionati nella trama, vale a dire l’avidità e il senso di colpa, l’amore e l’illusione, e svolgono un ruolo in molte delle trame. Potrebbero non essere il principale fattore di collegamento, ma sicuramente giocano un ruolo nella connessione tra le trame. In alcune aree il libro può rimanere un mistero, ma comunque un mistero divertente. 

Pasquale Schiavone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...